Crocchette per cani: non sono il miglior cibo per i nostri compagni a 4 zampe! Ti spiego perché

Le crocchette per cani sono il cibo più diffuso e più venduto nel mercato del Pet Food, ma siamo sicuri che sia la scelta giusta?

Quando si tratta di alimentazione, non si scherza! 

Del resto, una delle decisioni più importanti che noi proprietari dobbiamo prendere riguarda proprio quale cibo dare al nostro cane.

Negli ultimi anni questo argomento è diventato vero e proprio oggetto di dibattito, all’interno del quale alcuni sostengono che le crocchette siano la scelta migliore.

In questo articolo scoprirai se le cose stanno realmente così oppure no.

crocchette per cani

Tipologie di alimentazione per il cane

tipologie di cibi per cani

Quando si tratta di dover scegliere l’alimentazione da seguire, abbiamo due grandi possibilità: da un lato, le cosiddette diete naturali, come la casalinga o la BARF e dall’altro il cibo industriale.

All’interno di quest’ultimo troviamo, poi, l’umido o le crocchette.

Beh, non giriamoci troppo intorno, nella maggior parte dei casi la scelta più sana che possiamo fare per il nostro cane è quella di una dieta naturale.

Tranne casi specifici, infatti, un cibo fatto con alimenti freschi e che siano, poi, correttamente bilanciati grazie all’aiuto di un veterinario nutrizionista, è di certo il migliore.

E lo è tanto dal punto di vista strettamente nutrizionale, quanto dal punto di vista di un maggiore appagamento.

Qualsiasi cane sano, che non ha particolari problemi comportamentali o di salute, infatti, prediligerebbe una bella ciotola di carne fresca, rispetto ad una traboccante di crocchette.

E come dargli torto!

Crocchette per cani: hanno dei vantaggi?

ciotola di crocchette

A conti fatti, le crocchette hanno un unico vero vantaggio che è rivolto, però, esclusivamente a noi proprietari e cioè quello di una maggiore praticità.

Le crocchette si gestiscono molto facilmente: una bella manciata e la pappa è pronta, ma non solo!

Hanno una durata maggiore, occupano meno spazio in casa rispetto alle porzioni di cibo fresco o anche solo alle scatolette di umido e hanno spesso un costo minore, specie se si tratta di dover sfamare più cani o un cane solo ma di taglia grande o addirittura gigante.

A livello nutrizionale, però, sono di fatto ciò che più si allontana da quello che il cane mangerebbe, se potesse scegliere da sé.

E bada bene che non è una questione di cane capriccioso e viziato.

Sono ormai tanti, infatti, i veterinari specializzati in nutrizione che spiegano al meglio come e perché, spesso, le crocchette non siano la scelta giusta ed anzi siano, di frequente, una delle principali cause di malattie per i nostri cani.

Primi fra tutti, il Dott. David Bettio, di cui puoi leggere un’interessante intervista cliccando qui o la Dr.ssa Jutta Ziegler, di cui ti segnalo il libro dal titolo “Il libro nero dei veterinari”.

Nello specifico, a livello nutrizionale, le criticità più evidenti delle crocchette riguardano la loro composizione ricca, spesso, di carboidrati o legumi, povera di carne e perciò deleteria per un carnivoro quale è il cane, come abbiamo già avuto modo di dire nell’articolo “La verità sul cibo per cani”.

Una composizione, poi, ricca frequentemente di integrazioni, conservanti ed ingredienti di origine sintetica, di sostanze proteiche trasformate i cui effetti collaterali nel medio lungo termine non sono affatto da escludere.

Insomma, non è un caso che diversi veterinari tolgano proprio le crocchette e consiglino, piuttosto, l’uso di cibo fresco, ben selezionato a livello di ingredienti a seconda delle necessità dell’animale, quando questo si trova in un momento di difficoltà di salute.

Pensa, per esempio, alle diete casalinghe ad eliminazione che vengono prescritte per i cani allergici.

Cosa scegliere, quindi?

Pertanto, se vuoi davvero assicurare al tuo cane una vita lunga, sana e felice, la strada migliore è cucinargli tu, senza però improvvisare, facendoti, piuttosto, seguire da un esperto.

Tuttavia, se sei tra quelli a cui il tempo scarseggia, che non hanno modo di mettersi ai fornelli neppure per loro, allora piuttosto che la crocchetta, meglio l’umido, a patto che si tratti di un umido di qualità.

L’umido è molto pratico quasi quanto le crocchette ma è meglio di queste perché, se di qualità, si avvicina molto di più ad una ciotola di casalinga e perciò molto di più a quello che il cane dovrebbe mangiare per sua stessa natura.

È più digeribile, più assimilabile, più ricco di liquidi, aspetto questo di fondamentale importanza anche per un corretto processo digestivo.

Oltretutto, se il prodotto ha una composizione correttamente bilanciata, non incide neppure particolarmente sulla formazione di tartaro.

Ti permetterà, poi, di garantire una maggiore varietà, aspetto questo importante a livello nutrizionale, casi specifici di salute a parte, ovviamente.

Infine, l’umido è veramente più appagante per la maggior parte dei cani tanto da essere stato spesso risolutivo nei casi di inappetenza.

In definitiva

Se a fronte di tutto questo, stai, quindi, pensando di iniziare ad usare quantomeno l’umido rispetto alle crocchette, fai bene ma fai attenzione.

La scelta, infatti, va sempre fatta valutando caso per caso, cane per cane, in base al suo stato di salute, a ciò che sta mangiando attualmente e in base anche a quella che è stata la sua intera storia alimentare.

Un cane di 17 anni, che per tutta la vita ha mangiato sempre e solo crocchette, magari quasi totalmente prive di vera carne, beh, potrebbe avere serie difficoltà con un cambio alimentare di questo tipo.

Oltretutto, anche quando questo passaggio avviene, deve essere fatto in modo corretto, valutando i giusti modi, le giuste tempistiche e, in alcuni casi, le giuste tipologie di prodotti a livello di ingredienti, cosicché siano il più possibile idonei per quell’individuo.

Se, quindi, stai prendendo in considerazione questa strada ma vuoi essere certo di non fare errori, puoi contattarmi e usufruire del nostro servizio gratuito di consulenza alimentare.

In questo modo, capiremo insieme se il cambio di alimentazione è la strada giusta, se sì, come farlo e ti indicherò anche degli umidi di qualità da poter usare.

Contattarmi è semplice: ti basta compilare il modulo qui sotto!

Per chi è la consulenza?
Di che razza è?
Quanto pesa?
Quanti anni ha/hanno il tuo/i tuoi cane e/o gatto?
Cosa mangia o mangiano attualmente?
Ha o hanno problemi di masticazione?
Ha problemi di allergie o intolleranze?
Quando preferisci che venga fatta la consulenza?
Invia la tua richiesta

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

3 risposte

    1. Ciao Ornella, buona scelta! Per fare questo passaggio, la cosa migliore è rivolgersi ad un veterinario specializzato in nutrizione che ti darà indicazioni precise da seguire, strutturate su misura per la tua cagnolina. Se avessi difficoltà ad individuarne uno, contattaci pure per avere un nominativo, scrivendoci a [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche:

etichette del pet food

Scopri la verità dietro le etichette del Pet Food

dieta barf per gatti

Dieta BARF per Gatti: una rivoluzione alimentare o un rischio nascosto?

dieta paleo per cani

Dieta Paleo per cani: un’alimentazione naturale davvero particolare

semi di zucca al cane

Semi di zucca al cane: come e perché