Consulenza gratuita +39 3490572210​

Il Greyhound: cane da corsa o da divano

Autore:

Beatrice Di Mauro

Pubblicato il:

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Greyhound

Il Greyhound, insieme al Galgo, è uno dei levrieri più conosciuti. Sono i cani da corsa più ricercati e anche la razza levrieroide più soccorsa.

Non sono poche, infatti, le associazioni che si occupano di recuperare questi fantastici cani, con lo scopo comune di portare alla chiusura definitiva di cinodromi e galgueros, le prigioni spagnole dei Galgo.

Queste associazioni si recano personalmente in Inghilterra, Spagna e Irlanda per manifestare contro le crudeltà che questi poveri cani devono patire.

Ma vediamo un po’ chi sono veramente i Greyhound.

Origini del Greyhound

Questi fantastici cani, come tutti i levrieri, provengono dall’Oriente e dall’Africa, dove è richiesto un fisico asciutto e grande atleticità per reggere il passo di lepri e conigli nelle zone aride e desertiche.

Successivamente, sono arrivati in Grecia con le varie migrazioni, e hanno preso il nome di Greekhound, appunto “segugio greco”. 

Solo più tardi hanno raggiunto anche l’Inghilterra come cani da caccia, rinominati Greyhound. 

Sono fantastici cani da caccia, efficaci e letali che riscuotono subito un gran successo tra a nobiltà, diventando così i cani dei grandi palazzi, da compagnia, tanto amati e di enorme valore nel vero senso della parola. 

Per un certo periodo, infatti, il loro valore è stato monetario a tutti gli effetti poiché le tasse potevano essere pagate in denaro e Greyhound!

Diventa un cane da corsa come lo conosciamo oggi solo molto più avanti.

A correre e ad essere sottoposti ad allentamenti particolarmente intensi sono solo, però, gli esemplari totalmente socializzati con i loro simili, gli individui che attaccano gli altri cani vengono, invece, abbattuti.

Solo in epoca contemporanea, si è deciso di rimuoverli semplicemente dalla corsa e dalla riproduzione, in modo da eliminare il gene senza uccidere il cane.

Oggi sono popolari proprio per la loro condizione di corridori, spesso forzata e portata agli estremi

Tuttavia, senza arrivare a questi eccessi, non dobbiamo dimenticare che i levrieri, nella quasi totalità delle loro razze, sono cani nati proprio per correre e tenerli al guinzaglio per tutta la vita potrebbe essere peggio della loro condizione in alcuni cinodromi. 

Molte associazioni, infatti, vietano assolutamente la libertà di queste creature, senza però considerare la loro natura. 

Prova a impedire a un Beagle di annusare o a un Labrador di nuotare: non saranno mai cani felici!

Ad oggi questa razza è molto diffusa e quasi tutti i Greyhound in circolazione provengono da associazioni.  

Di cinodromi aperti, fortunatamente, ce ne sono ormai ben pochi, sebbene restino, ahimè, le corse clandestine.

Carattere e Motivazioni del Greyhound

I Greyhound Rescue, ovvero quelli salvati dalle associazioni, e quelli da allevamento hanno due caratteri diversi.

I Greyhound Rescue, a causa delle loro condizioni di crescita e sviluppo, sono animali spesso schivi, impauriti, ma al contempo affettuosi

Vengono allenati fin da cuccioli a inseguire una lepre meccanica e a correre su tapis roulant elettrici, senza possibilità di sosta.

Sul tappeto viene messo anche più di un cane alla volta: lo stimolo della lepre da rincorrere terrà tutti gli individui tanto impegnati da evitare ogni genere di conflitto, abituandoli così ad un contatto costante e ravvicinato.

I cani che superano le prove e vincono, vengono poi messi in riproduzione con altri Greyhound vincitori. 

Tuttavia, nessuno conosce veramente la genealogia di questi cani, quindi il rischio è quello di ottenere dei cani prestanti ma malati: sono molti i cani che muoiono di infarto perché il cuore ha difetti genetici.

Questi cani non sono assolutamente mordaci verso l’uomo, del resto un criterio di selezione è proprio quello di scegliere esemplari docili al contatto con l’uomo, perché i loro allenatori devono poterli maneggiare in qualunque momento e in qualsiasi maniera.

Hanno un’indole predatoria altissima: la quasi totalità di Greyhound Rescue potrebbe essere in grado di uccidere cani di piccola taglia, proprio a causa dell’allenamento. 

I cani, in gara, infatti, non ottengono mai la ricompensa, ossia la lepre meccanica, quindi non hanno alcun tipo di controllo su quello che accade dopo l’inseguimento.

Dopo il misfatto, questi cani non appariranno dispiaciuti, perché sono nati per prendere e uccidere.

Nella maggior parte dei casi, sono cani tranquilli, non sembra quasi di averli in casa. 

Attenzione, però, esistono cani tranquilli e cani depressi, e nel caso dei Greyhound Rescue, si tratta spesso di cani affetti da depressione, sottomessi a tutto quello che il mondo propone. 

Portali fuori, fagli conoscere il mondo in compagnia di altri cani, molto gioiosi e possibilmente di pari taglia, è un’arma molto efficace per aiutarli ad uscire da questa condizione.

Fanno molto più affidamento, infatti, sugli insegnamenti che gli arrivano dai propri simili più che da quelli impartiti dall’uomo. 

Per questo, se vuoi davvero essere di supporto a queste magnifiche creature, la miglior cosa che puoi fare è quella di trovare loro un compagno di giochi a quattro zampe.

I Greyhound di allevamento, invece, non hanno mai alle spalle un passato tanto pesante e per questo, sono cani semplicemente altezzosi, con la puzza sotto il naso e molto, molto aristocratici, tranne quando dormono.

Quando dormono assumono pose veramente buffe che hanno ben poco di aristocratico!

Anche loro sono dei grandissimi predatori

La loro genetica e genealogia non si differenzia molto da quella inglese originale, quindi libertà sì, ma anche qui con cautela

Se è una zona frequentata da selvaggina o cani di piccola taglia, consiglio sempre la museruola a gabbia, meglio se quella in metallo leggera, in quanto le sbarre sottili permettono agli altri cani di vedere senza problemi la mimica facciale e comprendere, così, senza fraintendimenti le reciproche intenzioni.

È molto difficile vedere dei Greyhound da allevamento, io, personalmente, non ne ho mai visto nemmeno uno. 

Tanto i Greyhound Rescue quanto quelli da allevamento sono molto attaccati alle persone che si prendono cura di loro, anche se non lo dimostrano subito.

Se hai un Greyhound come compagno di vita, quindi, dovrai solo avere pazienza e dargli il tempo di concederti la sua fiducia, una volta ottenuta, sarà la tua ombra!

Certo, quando ne avrà la possibilità, correrà via da te a più di 60 km/h ma non preoccuparti: appena scaricate le batterie tornerà, dovrai solo avere fiducia in lui come lui ne ha in te.

Famiglia ideale per il Greyhound

In linea di massima tutte le famiglie sono adatte a questo tipo di cane, bisogna solo stare attenti alla propria ansia: questi cani, infatti, si allontanano molto e sono piuttosto indipendenti.

Io, per esempio, per quanto io mi consideri un’amante della razza, mai avrò un levriero, perché non vederlo per cinque secondi mi manderebbe in crisi.

Entrambe le linee genetiche, Rescue o di allevamento, vanno bene anche per le famiglie con bambini, a meno che non sia espressamente escluso dall’associazione nel caso dei Greyhound recuperati. 

In questi casi si tratta di cani reattivi o eccessivamente paurosi e le loro reazioni potrebbero essere pericolose per i bimbi piccoli.

Io li chiamo “Cani Tetris”, perché non ne basta uno, creano dipendenza e senza accorgertene te ne ritrovi la casa piena. 

Ma perché Tetris? Perché potrai anche comprare una singola cuccia per cane, ma li troverai comunque a dormire tutti insieme, incastrati in un intreccio di zampe e code sullo stesso cuscino! 

Adorano il contatto e lo dimostrano in ogni modo.

Sono adatti a qualunque tipo di attività, dalle passeggiate alle prove di obbedienza, solo però se molto ben incentivati, altrimenti ti riserveranno quel loro famoso sguardo da “Fallo tu il seduto per quel misero pezzetto di pane e caviale, io valgo di più!”.

Sono cani da servire e riverire, strappano baci e coccole, sono grandi compagni di giochi per bambini e grandi motivatori per gli adulti, i loro sguardi non perdonano!

Questi cani sono, quindi, dei fantastici animali versatili: hanno come un pulsante che li fa passare da atleti di triathlon a campioni di russate!

Alimentazione del Greyhound

Gli aristocratici, si sa, mangiano solo astice e filetto di Manzo Wagyu cotto alla griglia e aromatizzato.

Astice e scherzi a parte, i levrieri in generale e i levrieri di taglia grande in particolare si dividono in due categorie: fogne e lord.

I primi mangerebbero anche te se solo ne avessero l’occasione, mentre i secondi sono molto più complicati da soddisfare, ma con le giuste combinazioni di preghiere e cibo riuscirai a far mangiare anche i lord.

Sono cani di tipo respiratorio, vuol dire che hanno un grande torace e molto spazio tra questo ed il terreno. 

La forma del torace li espone al rischio di una patologia letale, la “torsione gastrica”, che si verifica soprattutto se dopo mangiato vengono portati a fare attività fisica. 

Lo stomaco letteralmente si gira, arrotolando sia la via d’accesso che quella d’uscita, i succhi gastrici e il cibo cominciano a fermentare e, nel giro di 40 minuti, il cane muore. 

Se hai in mente di fare un’escursione, fallo stare a digiuno e mangiate insieme quando arrivate a destinazione, assicurandoti di dargli il tempo necessario per digerire prima del rientro.

Sempre in termini di prevenzione per la torsione gastrica, fai poi attenzione a scegliere cibi che siano altamente digeribili e cioè cibi dalla composizione appropriata in cui l’ingrediente principale sia davvero la carne.

Se hai difficoltà in questo, ti ricordo che in Empathy Food offriamo un servizio di consulenza alimentare gratuita che potrà esserti di aiuto. Se desideri maggiori informazioni, CLICCA QUI.

Ricorda, poi: la masticazione è vitale per tutti i cani ma per questi in particolare. 

Spesso, infatti, hanno livelli d’ansia più alti rispetto ad altri, perché vivono basandosi principalmente sul movimento degli oggetti/prede, quindi ogni movimento è fonte di allerta.

Offrire loro quotidianamente un masticativo naturale, come i prodotti essiccati, che li tengano impegnati a lungo, è un ottimo modo per abbassare questi livelli di cortisolo. 

Infine, un’ultima accortezza, specie per quanto riguarda i Greyhound Rescue: visto il loro passato, si tratta di cani che hanno bisogno di ricostruirsi una quotidianità che li faccia sentire al sicuro. 

Fai attenzione, quindi, anche a come gestisci tutto il momento del pasto.

Se non hai idea a cosa esattamente mi riferisco, puoi scaricare la guida gratuita dedicata proprio alla gestione della ciotola dove troverai precise indicazioni su cosa fare e soprattutto non fare.

Per averla, CLICCA QUI.

E ora la parola a te!

Com’è la tua vita con questa meravigliosa creatura?

Raccontaci la tua esperienza nei commenti!

Lascia un commento