Consulenza gratuita +39 3490572210​

Il tuo cane chiede cibo da tavola? Ecco cosa devi fare!

Autore:

Beatrice Di Mauro

Pubblicato il:

Condividi:

Una piccola e veloce guida su come affrontare il problema

cane chiede cibo da tavola

Quante volte ti sei ritrovato nella situazione in cui il tuo cane chiede cibo da tavola?

E quante volte ti sei domandato come poter risolvere questo problema?

Se queste domande ti risuonano e sembrano fare proprio al caso tuo, sei nel posto giusto!

In questo articolo, infatti, ti dirò come gestire al meglio la situazione!

Prima, però, di dirti esattamente cosa fare, ci tengo a trasmetterti un messaggio spesso sottovalutato e cioè che insegnare al cane a rilassarsi mentre mangiamo, è qualcosa che ci tornerà sicuramente utile quando avremo ospiti o anche solo per goderci con maggiore tranquillità il pasto, ma non solo!

È qualcosa che tornerà molto utile anche al cane stesso: imparando a rilassarsi, eviterà, infatti, di vivere un costante stato di stress, tensione e attesa.

Vediamo, quindi, cosa è importante fare per risolvere questo problema!

Controlla la qualità del cibo

Sembrerà banale ma la prima cosa che devi fare per evitare che il tuo cane richieda cibo da tavola, è accertarti che non lo faccia perché è realmente affamato

Devi essere sicuro che il cibo che gli dai contenga tutti i nutrienti di cui ha bisogno. Un cibo dalla composizione il più naturale possibile, dove l’ingrediente principale sia davvero la carne.

Questo vale specialmente se utilizzi cibo industriale. 

In questo caso, la verifica la potrai fare solo leggendo con attenzione l’etichetta del prodotto.

Se vuoi una mano in questo, puoi sempre avvalerti del servizio gratuito di consulenza alimentare che offriamo in Empathy Food. Per sapere di cosa si tratta e prenotare la tua consulenza, CLICCA QUI.

La gestione del cibo

Affinché il tuo cane sia realmente appagato da ciò che mangia, è molto importante che tu ponga attenzione non solo a cosa offri ma anche a come lo offri.

La gestione del cibo è, infatti, tanto fondamentale da portare, spesso, il cane all’inappetenza, se mal gestita.

Se vuoi capire esattamente di cosa si tratta e soprattutto sei vuoi essere sicuro di star facendo tutto al meglio, puoi scaricare la guida gratuita dedicata proprio a questo argomento, CLICCANDO QUI.

In ogni caso, in termini di gestione, per evitare che il tuo cane chieda cibo da tavola, ti potrebbe aiutare dargli da mangiare prima o durante il tuo pasto. 

Questo non lo farà diventare il “capo branco”, semplicemente gli riempirà lo stomaco o lo terrà impegnato mentre mangi.

Se, invece, come nel mio caso, il cane mangia a orari diversi dai tuoi, gli puoi offrire nella sua cuccia un masticativo, di lunga durata, o un Kong ripieno

In quest’ultimo caso ti consiglio, in particolare, la ricetta del surgelatore per i pasti normali e quella della sottiletta in caso di cene importanti, per tenerlo impegnato più a lungo. 

Trovi le ricette complete QUI.

Imposta la regola: mai cibo da tavola

Una volta che sarai certo di offrire il meglio e di gestire il tutto correttamente, non ti resta che impostare una regola soltanto: mai cibo da tavola.

Lo so, è difficilissimo resistere alla tentazione di quegli occhi dolci e delle orecchie basse. Io la chiamo “la faccia dei morti di fame” ma dovrai farti forza e rispettare la regola.

Del resto, i cani hanno bisogno di regole; se non le hanno, se le creeranno da soli. 

La loro giornata, infatti, è composta da routine, abitudini, che li inducono a crearsi degli schemi comportamentali che, però,  potrebbero essere del tutto inappropriati. 

Meglio essere chiari nella comunicazione, quindi, facendo capire apertamente al cane cosa va bene e cosa non va bene ed evitando, in questo modo, degli stress inutili, sia per noi che per lui.

Ignora le sue richieste

Come detto, una volta impostata, la regola va messa in pratica. 

Questa è la parte più difficile in assoluto. Ho impiegato molto meno tempo a insegnare al mio Beagle il richiamo in mezzo ad un bosco rispetto al lasciarmi in pace quando mangio. 

Mettere in pratica la regola significa ignorare ogni tipo di richiesta messa in atto dal cane: gli abbai, gli uggiolii e “la faccia da morto di fame”. 

Se dovesse arrivare ad appoggiare le zampe sulla tavola o su di te, accompagnalo gentilmente ma con decisione verso terra, senza dirgli nulla. 

Non incrociare, poi, il suo sguardo: gli daresti solo delle vane speranze e, lo sappiamo tutti, quegli occhi vincerebbero!

Coerenza e costanza come stile di vita

La regola deve essere rispettata da tutti i commensali, sia membri della famiglia che ospiti. 

Questi ultimi potrebbero anche offendersi, ma preferisco un ospite offeso a un cane maleducato e stressato. 

Attenti ai nonni, loro sono i più pericolosi!

Ricordati, inoltre, che se il cane chiede cibo costantemente è perché quel comportamento glielo abbiamo insegnato noi. 

Quindi, all’inizio, il cane sarà disorientato e penserà di dover solo insistere di più; tu dovrai solo portare pazienza e non cedere. 

Come condividere il cibo

Siamo onesti, resistere è difficile per tutti, anche per noi educatori. 

Quindi, è proprio vietato condividere il cibo col cane? 

La risposta è no, anzi la condivisione del cibo ha un ruolo fondamentale all’interno della relazione col cane, tuttavia bisogna farlo nel modo corretto.

Per questo motivo, invece di dare cibo direttamente da tavola, mettine un po’ in un piattino o all’interno della sua ciotola, posta sulla tavola. Quando avrai finito di mangiare, potrai tranquillamente dargliela. 

In questo modo, il cane sarà tranquillo per tutto il tempo perché avrà imparato che, attendendo, ottiene.

Io consiglio di aspettare di aver sparecchiato la tavola così, mentre carichi la lavastoviglie, non avrai un cane tra i piedi che fa il pre-lavaggio. 

Ultimi consigli

A questo punto non ti resta che mettere in pratica quanto hai letto ma prima ecco due ultimi consigli! 

Innanzitutto, se il tuo cane dovesse mettere ancora in atto questo comportamento in futuro, non sgridarlo perché, ricordati, nella maggior parte dei casi, questo comportamento glielo abbiamo insegnato noi.

Infine, ricordati di soddisfare tutti i bisogni del tuo cane, come la passeggiata, il gioco e le varie attività perché un cane soddisfatto e appagato è un cane più centrato e tranquillo, che sa gestire meglio le sue pulsioni e il suo stato emotivo. 

Ora non ti resta davvero che metterti all’opera e farci sapere nei commenti come è andato il lavoro!