Consulenza gratuita +39 3490572210​

Torsione dello stomaco nel cane: cos’è e cosa fare

Autore:

Ludovica Bucci

Pubblicato il:

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
torsione dello stomaco

La sindrome da dilatazione gastrica, indicata con l’acronimo GDV, Gastric Dilatation Volvulus, o torsione dello stomaco, indica una malattia che si manifesta all’improvviso e può avere gravi conseguenze, fino anche all’esito fatale, se non si interviene immediatamente.

In pratica, lo stomaco del cane aumenta di volume, riempiendosi di un gas schiumoso, e si torce su se stesso, creando una specie di sacco, chiuso ad entrambe le estremità. 

Vengono così impedite tutte le normali funzioni fisiologiche, viene bloccata la corretta circolazione sanguigna e la milza può, addirittura, andare incontro a necrosi.

Le cause della torsione dello stomaco nel cane

Non si conoscono nei dettagli le cause che producono questa patologia. 

Sappiamo soltanto che inizia all’improvviso, senza una causa fisica apparente, se non la presenza di cibo all’interno dello stomaco. Infatti, questa grave patologia insorge generalmente a poche ore dall’assunzione di un pasto. 

Probabilmente, quindi, è connessa alla presenza, nell’apparato digerente, di cibo non ancora totalmente digerito. In tale occasione è possibile la formazione di quantità abnormi di gas. 

Le cause più evidenti della torsione dello stomaco sono perciò collegate all’alimentazione. Vediamo quali sono le più comuni:

  • alimenti poco digeribili
  • alimenti in pezzi troppo grossolani o, al contrario, troppo sminuzzati
  • unico pasto di quantità troppo grande
  • eccessiva voracità durante l’alimentazione
  • un’attività fisica intensa subito dopo il pasto
  • una quantità esagerata di acqua assunta durante il pasto
  • alimentazione effettuata con agitazione

Fattori di predisposizione alla torsione gastrica nel cane

Secondo vari studi effettuati, esistono diversi fattori di predisposizione alla torsione dello stomaco. 

Uno di essi è l’età: questa patologia si presenta più spesso in cani di età più avanzata. Addirittura si parla di un 50% in più di casi di torsione gastrica registrati in cani di 7/8 anni rispetto agli esemplari più giovani. Questo fenomeno è causato dal fatto che le pareti dello stomaco, con il passare degli anni, tendono fisiologicamente a perdere elasticità.

Un po’ più complesso potrebbe sembrare il collegamento con la razza. Tuttavia, osservando i numeri, risulta semplice collegare la torsione dello stomaco alla taglia. 

I cani di taglia grande o medio-grande hanno una maggior predisposizione a questa patologia.
Le razze che statisticamente soffrono in misura maggiore di questo disturbo sono:

  • San Bernardo
  • Alano
  • Pastore tedesco
  • Pastore Maremmano
  • Terranova
  • Mastino Napoletano
  • Dobermann

Inoltre anche l’obesità e lo stress, magari causato da variazioni improvvise nella routine quotidiana, sono fattori che ne aumentano il rischio.

Quali sono i sintomi della torsione dello stomaco nel cane

È essenziale riconoscere i sintomi della torsione gastrica per poter intervenire in tempo.

Il cane appare particolarmente agitato, mostra una sete molto forte e ha un’intensa salivazione. In alcuni casi, tenta inutilmente di vomitare e cerca di appoggiare lo stomaco su una superficie fredda, alla ricerca di una sensazione di refrigerio. 

Spesso è possibile notare un rigonfiamento a livello dell’addome: toccandolo lo sentirai particolarmente duro e contratto

Il malessere è improvviso e provoca un dolore acuto. 

Purtroppo, capita di frequente che l’attacco acuto si presenti nelle ore notturne. Ciò specialmente per quei cani che assumono un unico pasto giornaliero, nel tardo pomeriggio/sera. I sintomi della torsione dello stomaco si presentano, quindi, nelle ore notturne, in cui il nostro amico non è direttamente sotto la nostra osservazione.

Come viene curata la torsione gastrica

L’unica arma vincente in caso di torsione dello stomaco è una diagnosi immediata.

Non esiste, infatti, alcuna manovra utile che noi proprietari possiamo mettere in atto, l’unica cosa da fare per aiutare il nostro cane è quella di portarlo d’urgenza presso uno studio o una clinica.

Al fine di essere il più tempestivi possibili, sarebbe ottimale riuscire già ad allertare telefonicamente il veterinario del nostro arrivo.

Una volta arrivati, il veterinario si occuperà di stabilizzare immediatamente la situazione del cane, sedandolo e sottoponendolo, di solito, ad una lavanda gastrica, necessaria per liberare lo stomaco.

Al termine del procedimento, dovranno essere ristabiliti i valori normali per ciò che concerne il sistema cardiocircolatorio, che è il primo ad accusare problemi in seguito all’insorgenza della torsione dello stomaco. 

La soluzione più efficace è l’operazione chirurgica di fissaggio, detta anche legatura gastrica o gastropessi, con la quale lo stomaco viene riposizionato nella corretta angolazione e fissato, per evitare che il problema possa ripetersi.

Di solito, trascorse 24 ore dall’intervento, il cane può riprendere a mangiare, tuttavia sarà importante assicurarsi della qualità e della quantità del cibo offerto, privilegiando pasti piccoli.

In definitiva

La torsione dello stomaco è una patologia dolorosissima e che mette davvero a rischio la vita stessa dei nostri animali.

Sebbene ci possano essere delle predisposizioni genetiche o di razza, l’alimentazione gioca davvero, in questo caso, un ruolo fondamentale tanto in termini di corretta gestione, quanto in termini di scelta appropriata del cibo offerto.

Per questo motivo, evita di offrire un unico pasto ma suddividi la dose giornaliera in almeno due volte.

Non eccedere nelle quantità e soprattutto non offrire una ciotola troppo abbondante la sera, come ultimo pasto della giornata.

Inoltre, fai in modo che le uscite fisicamente più intense ed impegnative avvengano lontane dai pasti.

Se il tuo cane, poi, dovesse mangiare troppo voracemente, puoi provare a proporre, di tanto in tanto, il cibo in modo differente, anche attraverso dei piccoli giochi di ricerca o con le ciotole anti ingozzamento

Mi raccomando, a meno che non vi siano specifiche motivazioni di salute, non posizionare la ciotola rialzata da terra perché questo aumenta il quantitativo d’aria ingurgitato.

Per quanto riguarda, invece, la qualità del cibo, assicurati che sia il più appropriato possibile alle esigenze di un cane.

Una delle prime cause di torsione dello stomaco legate all’alimentazione è la poca digeribilità degli alimenti.

Come spiega la Dr.ssa Ziegler ne “Il manuale completo sulla salute del cane e del gatto

“La digestione è il processo di trasformazione degli alimenti in sostanze assimilabili. Viene valutata in base al tempo di permanenza del cibo nello stomaco, al grado di scindibilità degli alimenti e all’assenza di disturbi. […] 

Quanto più è elevata la quota di componenti difficili da digerire (ossa, cartilagini, tendini), tanto minore sarà anche la quantità di sostanze nutritive che riescono a passare la parete intestinale”.

Ciò che, quindi, devi fare è assicurarti sempre che la composizione del cibo scelto sia digeribile ed assimilabile per un cane. 

In parole semplici, la composizione deve riprodurre le fattezze di una preda e pertanto:

  • l’ingrediente principale deve essere la carne, ingrediente spesso scarso in molti prodotti industriali che per risparmiare eccedono nelle proteine vegetali anziché in quelle animali.
  • deve esserci un corretto bilanciamento con gli altri ingredienti inserirti, siano essi carboidrati, fibre e perché no, anche alimenti più complessi, come le ossa, che hanno l’importante funzione di allenare la muscolatura dello stomaco, evitando ulteriormente il rischio di torsione gastrica

La composizione, infine, deve essere il più naturale possibile: additivi di sintesi, conservanti, appetizzanti sono sostanze che indeboliscono le pareti intestinali e ne compromettono la motilità.

Questo fa sì che il cibo sosti per un tempo eccessivo nel tratto gastrointestinale, aumentando di fatto, anche in questo caso, il rischio di torsione.

Se desideri imparare a valutare nel modo adeguato la qualità del cibo iscriviti gratuitamente al nostro seminario di lettura etichette:

CLICCA QUI PER ACCEDERE GRATIS AL SEMINARIO

Lascia un commento