Consulenza gratuita +39 3490572210​

Vacanze con il cane: cosa fare prima, dopo e durante il viaggio

Beatrice Di Mauro
vacanze con il cane

Fare le vacanze con il cane è solo uno dei motivi per i quali ci mettiamo in viaggio. Infatti viaggiare fa parte della nostra vita, che sia per lavoro, per raggiungere dei parenti o per l’appunto andare in vacanza. Ma come possiamo gestire il viaggio nel migliore dei modi per il nostro compagno a 4 zampe?

Sono diversi gli accorgimenti che si possono prendere per rendere l’esperienza del viaggio positiva e poco stressante per i nostri amici.

Cosa fare prima del viaggio

Si inizia con la pianificazione della vacanza con il cane, quindi individuare un meta che possa garantire un bel viaggio di famiglia. Deve essere, dunque, appagante anche per lui, un luogo che possa soddisfare appieno i suoi bisogni di svago e divertimento.

Accertatevi che la struttura sia pet friendly e che accetti cani di tutte le taglie. Assicuratevi che in zona ci siano dei percorsi dove fare passeggiate insieme.

Prima della partenza il cane deve essere in regola con microchip, antiparassitari e vaccinazioni. 

In alcuni luoghi possono essere richiesti dei vaccini che sono opzionali altrove. Se avete questo dubbio, contattate il vostro veterinario, saprà dirvi se il vostro cane è in regola o meno. 

Le malattie più comuni per cui i cani vengono vaccinati sono: cimurro, parvovirosi, epatite, leptospirosi, rabbia

L’antirabbica, per esempio, non è obbligatoria sul territorio italiano, ma in alcuni comuni potrebbe esserlo o potrebbe essere consigliata per la presenza di animali selvatici, come le volpi, che sono portatori sani di questa malattia. 

Informatevi per tempo perché alcuni vaccini vanno fatti anche con settimane di anticipo rispetto la partenza per essere considerati validi.

Altra cosa utile da chiedere al veterinario è un consiglio su quali farmaci o quali prodotti portare in base alla salute del cane e alla destinazione, specie se il luogo dove si decide di soggiornare è focolaio di qualche virus, come la Leishmania.

Se vi muovete in Italia, il passaporto non è necessario, è sufficiente il libretto sanitario; mentre se avete deciso di andare all’estero, è obbligatorio averlo. 

Cosa mettere nella valigia prima di andare in vacanza con il cane?

  • Ciotole: non devono mai mancare! Per l’acqua potete usare quelle in silicone pieghevoli, che sono molto pratiche e potete attaccarle allo zainetto con un moschettone, oppure quelle borracce con ciotola incorporata.
  • Riposo: la cuccia è fondamentale. Oltre alla cuccia dove dorme, portate anche la sua copertina, da portare al ristorante, al bar, o per i picnic.
  • Giochi: il divertimento conta! Mettete nella sua valigetta i suoi giochi preferiti per fare attività insieme.
  • Museruola: indispensabile. La museruola è obbligatoria per legge, anche quando portate il cane a fare la passeggiata quotidiana. Deve essere sempre a disposizione. In villeggiatura, negli alberghi e negli esercizi privati, oltre che sui mezzi pubblici, è obbligatorio farla indossare. Se non l’avete ancora presa, correte e cominciate con gli esercizi di abituazione. È uno strumento indispensabile, ed è brutta solo a livello estetico, perchè se il cane la sa indossare, nemmeno se ne accorge.
  • La pappa: in vacanza si mangia! Fate bene i calcoli di quanto deve mangiare. Se mangia cibo industriale, potete prendere dei sacchetti di cibo o lattine più piccoli. Se, invece, mangia casalingo o BARF, il mio consiglio è quello di preparare le monodosi, surgerarle o metterle sottovuoto, così non dovete impazzire tutti i giorni a tagliare affettare e frullare. Alcune aziende, inoltre, possono spedire la merce anche nei luoghi di villeggiatura, se non volete appesantire i bagagli.
  • Premietti: le buone azioni vanno sempre premiate! Gli snack, i masticativi e i biscottini non possono mancare, insieme al Kong.
  • Igiene: la pulizia è la base di tutto! Portate spazzole, asciugamani e pinze per le zecche.

Durante il viaggio

Se il cane è già abituato a stare in auto, fantastico! 
Se così non fosse, va prima abituato, proponendogli tragitti brevi e con destinazioni favolose. Se invece dovesse soffrire di mal d’auto, e capita, chiedete al veterinario, che potrebbe proporre qualche spray per ambienti o pastiglie omeopatiche. In ogni caso, si parte a stomaco vuoto.

Il cane può viaggiare sul sedile posteriore, con cintura di sicurezza e divisore, oppure nel baule dove deve avere abbastanza spazio.  Anche qui sono obbligatorie le sbarre. 

In alternativa si possono utilizzare i trasportini o i kennel. Questa è la soluzione che personalmente preferisco. Ne esistono di due tipi: rigido o tela. Il cane deve avere la possibilità di girare su se stesso e di tenere la posizione seduta senza piegare eccessivamente la testa. 

Partite nelle ore più fresche e utilizzate moderatamente l’aria condizionata, o rischiate di creare uno sbalzo di temperatura tale da procurare un colpo di calore una volta scesi dalla macchina. 

Fate soste regolari in modo da consentire al cane di sgranchirsi le zampe e di fare i suoi bisogni. Attenzione: se fate delle soste per voi, non lasciate mai il cane in auto, anche se la macchina è all’ombra e i finestrini abbassati.

Le auto raggiungono altissime temperature in pochissimo tempo. Inoltre è pericoloso: le aree di sosta non sono certo le più raccomandabili.

Dopo il viaggio

Fate esplorare e conoscere il luogo al cane: è un ambiente completamente nuovo e ogni cane ha bisogno dei suoi tempi e ha le sue modalità.

Trovate un posto dove mettere la cuccia e il trasportino, quindi lontano dalla porta, per quanto possibile e lo stesso vale per le ciotole.

Se possibile, evitate di lasciarlo da solo subito, portatelo con voi al check-in, fategli fare una passeggiata. Deve ambientarsi. Quando dovrete lasciarlo solo in camera, dategli dei masticativi o il Kong.

Voi cosa mettete nella valigia del vostro amico? Preferite il mare o la montagna? scrivetecelo nei commenti!

Lascia un commento